THE WINGMAKERS

I WINGMAKERS: Viaggiatori Temporali dal nostro Futuro?
Le strane pitture e i manufatti trovati in una caverna del New Mexico fanno parte di una capsula temporale lasciata da visitatori dal nostro futuro, o di una sofisticata burla?


Estratto e pubblicato dal sito web WingMakers

La prima volta che mi sono imbattuto in questa storia su Internet sono rimasto sbalordito, ma ho anche dovuto chiedermi se non si trattasse di una burla. Se lo é, sicuramente per realizzarla qualcuno ci ha speso un sacco di tempo e di immaginazione, e senza un apparente motivo. La storia non é verificabile e i contatti impossibili - almeno per ora - ma, come vedrete, é davvero interessante ed alcune delle informazioni si collegano ad altri stuzzicanti spunti che potreste aver letto su NEXUS. Per farvi un'idea completa, vi sollecito a visitare il sito web WingMakers presso , osservare i pittogrammi e i disegni, ascoltare la musica, assimilare la filosofia, e prendervi il tempo di leggere la risma di materiale di supporto. Se qualcuno avesse ulteriori informazioni su questa notevole storia, avremmo piacere ci contattasse.
- Editore

INFORMAZIONI SUL PROGETTO E ANTEFATTO



Nel 1972, in una remota zona del New Mexico settentrionale, un gruppo di escursionisti scoprì all'interno di un oscuro canyon un insolito manufatto e dei pittogrammi. Il manufatto venne esaminato da un archeologo dell'Università del New Mexico, il quale fece ricerche nell'area dove era stato ritrovato, ma non trovò segni che mostrassero la presenza stabile di una cultura preistorica nel canyon. Si giunse alla conclusione che una tribù nomade di nativi indiani americani lo avesse occasionalmente utilizzato come accampamento temporaneo e di conseguenza avesse lasciato dietro di sé alcune tracce della loro presenza.

Ad ogni modo, rimanevano due interrogativi molto sconcertanti. Tutti i manufatti, tranne uno, potevano risalire all'ottavo secolo d.C. L'eccezione, conosciuta come la "bussola", sembrava essere un'insolita forma di tecnologia e fu trovata tra manufatti più comuni come vasellame e semplici attrezzi. La bussola era ricoperta di strani simboli geroglifici, alcuni dei quali furono riscontrati anche sul vasellame.

In secondo luogo, i pittogrammi che erano stati trovati nella zona erano comparsi in modo inspiegabile, ed erano straordinariamente diversi da qualunque altra forma di iscrizioni o arte rupestre nativa trovata nel sudovest, per non dire nell'intero continente.

A causa di queste due anomalie, i manufatti e l'intero progetto diventarono presto di competenza del governo statunitense, o più precisamente della National Security Agency (NSA). Venne deciso che questi manufatti potevano indicare una presenza extraterrestre preistorica sulla Terra, e che la NSA avesse il programma appropriato e tutto il necessario per iniziare una spedizione scientifica su vasta scala onde stabilire la natura e l'importanza del sito.

Nel 1973 quest'ultimo venne completamente esplorato da un dipartimento segreto della NSA, ma l'unico risultato fu qualche ulteriore ritrovamento che comunque non evidenziò tecnologie o prove di una presenza extraterrestre. Inoltre si trovarono altri simboli pittografici, ma la loro decifrazione risultò un processo difficile e frustrante. Venne richiesto l'aiuto di esperti, ma fu impossibile raggiungere un accordo sul loro significato.

Così com'era diventato un'indagine prioritaria, altrettanto velocemente il progetto finì negli archivi della NSA, col nome in codice di Ancient Arrow.

Ventuno anni più tardi, nel 1994, alcuni smottamenti aprirono una sezione del sito Ancient Arrow. Il canyon si trova nella zona naturalmente oscura di un parco gestito dallo stato del New Mexico. Dopo la sua scoperta nel 1972, venne ufficialmente dichiarato 'off limits' per gli escursionisti e i campeggiatori e doveva rimanere nel suo stato naturale. Di tanto in tanto, scienziati finanziati dalla NSA visitavano il posto, sperando di scoprire nuove prove, ma rimanevano regolarmente delusi.

Poco dopo gli smottamenti, una piccola squadra di funzionari della NSA visitò il canyon Ancient Arrow per effettuare qualche ricerca. Scoprirono che lo smottamento aveva rivelato l'entrata di una caverna nascosta che conduceva profondamente all'interno delle pareti del canyon.

Sul fondo di questa caverna, la squadra di ricerca trovò un'entrata molto ben occultata che accedeva ad un sistema di camere e di tunnel che erano stati ricavati nella roccia.

C'era un totale di 23 camere, tutte collegate in modo complicato ad un corridoio interno, ed ogni camera custodiva uno specifico dipinto sulle pareti, una serie di pittogrammi e di geroglifici e quelle che sembravano tecnologie aliene inattive.

Non appena scoperto questo accesso alla caverna, venne immediatamente stilato un rapporto col direttore responsabile del progetto Ancient Arrow. Il progetto venne formalmente sottoposto alla giurisdizione della Organizzazione di Intelligence Contatti Avanzati (ACIO) la quale organizzò una squadra di ricerca multidisciplinare onde valutare l'esatta natura del sito e cercare di scoprire ulteriori manufatti o evidenze di una visita extraterrestre.

L'ACIO é un dipartimento segreto o comunque non riconosciuto della NSA; ha la sua sede in Virginia, ma dispone di personale anche in Belgio, India e Indonesia, ed é praticamente sconosciuto persino tra i direttori anziani all'interno della NSA. Infatti, nell'ambito dell'intera comunità dei servizi, é l'organizzazione a più basso profilo: la sua agenda é ricercare, assimilare e riprodurre qualunque tecnologia o scoperta di origine extraterrestre. Il personale di cui dispone principalmente annovera scienziati che sono assolutamente anonimi, i quali comunque ricevono un salario annuo di oltre 400.000 dollari in virtù della loro autorizzazione di sicurezza e del loro quoziente intellettivo. 

Questa organizzazione segreta non soltanto possiede un enorme potere intellettuale, ma anche tecnologie molto più avanzate di qualunque struttura di ricerca sull'intero pianeta. Essi sono, in una parola, privilegiati.

Per il team di ricercatori, i manufatti ritrovati nel sito Ancient Arrow erano virtualmente incomprensibili. Vi erano molti misteri. Perché mai una cultura avanzata avrebbe lasciato i propri manufatti in una maniera così precisa e apparentemente ordinata? Qual era il messaggio che cercavano di lasciare? Quali erano le loro tecnologie, e perché le avevano abbandonate lì? I creatori di questo sito si erano mescolati con le tribù native, o rimasero una cultura isolata? Chi erano, e perché si trovavano qui nell'ottavo secolo? Avevano in programma di ritornare? 

Questi erano soltanto alcuni dei misteri coi quali la squadra di ricerca si doveva confrontare.

Nel corso dei sette mesi di restauro, catalogazione e analisi, il progetto Ancient Arrow fu un autentico enigma. Venne spesa più energia nella accurata conservazione dei manufatti, piuttosto che nel cercare di risolvere il problema della loro esistenza, quantunque le speculazioni fossero all'ordine del giorno in ogni conversazione.

Gradualmente, il gruppo di ricerca strutturò un'ipotesi: che nell'ottavo secolo una cultura extraterrestre avesse fondato una colonia sulla Terra, e si fosse isolata nel canyon in questione; e che avesse la precisa missione di lasciarsi dietro una enorme "capsula temporale" che avrebbe dovuto essere scoperta nel tardo ventesimo secolo. Mentre per i ricercatori non era chiara l'esatta natura di questa capsula temporale, sembrava probabile che fosse uno scambio culturale di qualche tipo e non avesse intenti invasivi verso la Terra o i suoi abitanti.

Dopo che ne furono completati i restauri, ai ricercatori occorsero due anni per decifrare il parziale significato dei manufatti. Le 23 camere separate sembravano collegarsi insieme per formare qualche specifico messaggio o proposito. Nella ventitreesima ed ultima camera, recuperarono un piccolo disco ottico che si presumeva contenesse informazioni digitali che potevano essere la chiave per decifrare i manufatti. Gli scienziati lo esaminarono attentamente, senza riuscire a comprendere come accedere al suo contenuto.

Furono chiamati i migliori esperti informatici dell'ACIO per cercare di forzarne l'accesso, ma senza esito: vennero impiegati parecchi mesi a tentare qualunque metodo concepibile per riuscirci, e nessuno funzionò. Per la prima volta in quasi un anno, il progetto Ancient Arrow era su un binario morto, e l'ACIO distolse velocemente i finanziamenti.

Dopo altri due mesi di inutili tentativi, venne stabilito che la tecnologia per accedere al disco semplicemente non era disponibile. Il disco ottico e tutti i manufatti e i ritrovamenti sarebbero stati immagazzinati con cura in un luogo sicuro sino a quando fossero state disponibili le tecnologie atte a sboccarlo e a raccoglierne il contenuto. Si riteneva che contenesse mappe stellari, indici di traduzione, glossari, e tutte le risposte ai vari misteri dei suoi creatori e, forse ancora più importante, le loro intenzioni verso la Terra. Visto che il disco era considerato di vitale importanza per comprendere il significato della capsula temporale, l'ACIO non poté far altro che congelare il progetto in attesa delle tecnologie adatte a interpretarlo.

Comunque, c'erano due scienziati della squadra di ricerca i quali ipotizzarono che il disco poteva essere sbloccato comprendendo il significato delle pitture murali in ognuna delle 23 camere. Secondo loro non sarebbe stata una soluzione complessa, tecnologica a sbloccarlo, bensì una soluzione linguistica o di traduzione.

Dopo molte insistenze, l'ACIO decise di consentire ai due ricercatori di assemblare una replica del contenuto della capsula temporale, consistente di foto e disegni dettagliati di tutti i manufatti di tutte le 23 camere, comprese fotografie ad alta risoluzione dei dipinti murali. Ai due scienziati sarebbe stato permesso di proseguire le ricerche nel loro tempo libero, fatto salvo di mantenere il segreto più assoluto e riportare direttamente al direttore del progetto e al capo divisione dell'ACIO tutte le loro scoperte.

Il disco ottico venne messo al sicuro in una camera blindata dell'ACIO. Ufficialmente il progetto fu sospeso a tempo indefinito, e tutto il personale ad esso associato venne trasferito (con promozioni) ad altri progetti. dell'Ancient Arrow non si sarebbe più parlato sino a quando delle tecnologie o altri sistemi avessero prodotto un modo per sbloccare il disco e accedere al suo contenuto.

Gli scienziati impiegarono quasi cinque mesi, collaborando insieme, a tentare senza successo di decodificare i manufatti Ancient Arrow e determinare qualche sistema per accedere al contenuto del disco ottico. In tale periodo, l'ACIO collaudò nuove tecnologie e sistemi, ma anche questi non ebbero miglior fortuna.

Un giorno di fine estate del 1996, uno degli scienziati (un esperto linguistico) ebbe l'intuizione di ridurre i simboli delle pitture murarie a quanto di più simile fosse stato trovato negli antichi testi sumeri. Anche se era una lingua morta, il sumero era abbastanza comprensibile per questo scienziato il quale fu in grado di decodificare i simboli delle pitture, e mettendo le 23 parole nello stesso ordine delle camere del sito Ancient Arrow, riuscì infine ad accedere al disco ottico.

La connessione tra la lingua sumera e la capsula temporale era il punto di svolta che la squadra ACIO stava aspettando. Una semplice serie di 23 parole ricavò dal disco oltre 8.000 pagine di dati: sfortunatamente, questi ultimi erano incomprensibili in quanto il computer non disponeva di un set di caratteri che emulassero i geroglifici e gli insoliti simboli del linguaggio. Quindi fu necessario sviluppare un indice di traduzione, ma questo lavoro richiese loro altri sei mesi.

Infine, una volta programmato un indice di traduzione nel computer, i dati potevano essere visti a monitor o stampati nella loro forma geroglifica, ma dovevano ancora essere tradotti in inglese. Questo processo era estremamente tedioso e non poteva essere facilitato usando il computer, data la sottigliezza del linguaggio e la sua intricata connessione coi dipinti delle pareti e le rappresentazioni pittografiche disseminate ovunque nel sito Ancient Arrow. 

Iniziando a sviluppare parzialmente la traduzione, si scoprì che anche all'interno del disco vi era una segmentazione dei dati in 23 unità. Ognuna di queste sembrava corrispondere ad una specifica camera. Incominciando a tradurre le prime due, risultò che ogni unità conteneva scritti filosofici e scientifici, poesie, musica, nonché un'introduzione alla cultura e alla identità dei suoi creatori.

Questi ultimi facevano riferimento a sé stessi come ai "WingMakers". Essi rappresentavano una versione dell'umanità a venire che viveva circa 750 anni nel nostro futuro. Affermavano di essere Portatori di Cultura, ovvero coloro che introducono i semi dell'arte, della scienza e della filosofia all'umanità. Si erano lasciati dietro un totale di sette capsule temporali in varie parti del mondo, che sarebbero state scoperte secondo un piano ben orchestrato. 

Apparentemente il loro intento era di aiutare le successive generazioni umane a sviluppare una cultura globale - un sistema unificato di filosofia, scienza ed arte.

All'inizio del 1997, lo scienziato ACIO che aveva originariamente scoperto il codice di accesso per il disco ottico iniziò stranamente a provare simpatia nei confronti della missione dei WingMaker. Si era convinto che l'ACIO non avrebbe mai reso pubblica la scoperta, ed era certo che fosse troppo importante per nasconderla. Inoltre affermava di essere in comunicazione coi WingMaker, i quali stavano osservando i progressi dell'ACIO e al momento appropriato avrebbero reso di pubblico dominio la capsula temporale e quanto in essa contenuto.

Questa affermazione preoccupava l'ACIO e in particolar modo il direttore del progetto Ancient Arrow, il quale infine raccomandò un periodo di licenza per lo scienziato e lo allontanò sommariamente dal progetto. Quest'ultimo temeva che i suoi appunti sarebbero stati alterati o distrutti, così disertò dall'organizzazione - letteralmente il primo che avesse mai fatto una cosa simile. Poco dopo la sua defezione, egli scomparse. Tuttavia, prima di farlo, diede ad un giornalista che aveva scelto a caso una parte del suo materiale concernente i WingMaker e la loro capsula temporale.

L'autore di questo documento é quel giornalista. Sono in possesso di fotografie, musiche, poesie, disegni, indici di traduzione, copie di documenti segreti e una varietà di testi filosofici tradotti che provengono tutti dal progetto Ancient Arrow. Ho preso ogni precauzione per rimanere anonimo quindi non mi si può rintracciare. Sono della convinzione che questo materiale venga diffuso contro il volere di un'organizzazione segreta che probabilmente ha poteri dei quali persino il nostro governo é all'oscuro.

Prima che lo scienziato ACIO (che d'ora in avanti chiamerò Dr. Anderson) mi contattasse, non avevo alcun interesse in argomenti come viaggi nel tempo, extraterrestri, organizzazioni segrete o cose del genere. Quando inizialmente ascoltai la storia, mi sembrò assurda; però mantenni la mia obiettività giornalistica, incontrai il Dr. Anderson e con riluttanza giunsi alla conclusione che sarebbe stato improbabile che una persona si inventasse questa storia con tali dettagli e prove a supporto e poi desiderasse rimanere anonima.

Il Dr. Anderson aveva portato fascicoli di fotografie e disegni di strane tecnologie con sopra impressi strani simboli, rapporti di ricerca che si riferivano a tavole di traduzione, cifrari, mappe stellari e dozzine di appunti relativi alle discussioni dei capi dipartimento dell'ACIO in merito al progetto Ancient Arrow. Ogni cosa, comprese circa 400 pagine di scritti filosofici, era talmente fondata che mi fu impossibile screditarla o ignorarla.

Per chiarezza verso chi suggerisce che prima di presentare questo materiale avrei dovuto indagare maggiormente onde trovare conferme indipendenti, mi si lasci semplicemente dire che a causa della natura stessa dell'ACIO é impossibile corroborare questa storia. Ad ogni modo, per qualunque ragione, io credo al Dr. Anderson che mi ha fornito questi materiali. Non mi ha chiesto nulla. Non ha voluto denaro o riconoscimenti. La sua unica richiesta nei miei confronti é stata di decidere il miglior modo di renderli pubblici. Mi consigliò di non indagare sull'ACIO in quanto era convinto che la NSA avrebbe adoperato tattiche di disinformazione che mi avrebbero fatto perdere tempo e reso difficile, se non impossibile, la divulgazione di questo materiale.

Non ho contattato nessun altro ufficio governativo perché il Dr. Anderson mi ha avvertito che tale contatto sarebbe stato rintracciato dall'ACIO, che possiede personale di alto livello sia nella NSA che nella CIA e nella migliore delle ipotesi avrebbe innescato tentativi di disinformazione da una o entrambe.

Sono in possesso di certi documenti che non presenterò sul sito web WingMakers ma ho predisposto che, se mai dovesse accadermi qualcosa, essi vengano divulgati presso gli importanti media che conosco. Costituiscono la mia unica difesa nel divulgare questo materiale.

Il mio solo interesse sta nel presentarlo al pubblico, che poi potrà decidere cosa farne: esercitare pressioni sui politici o prendere altre iniziative - ad esso la scelta. Sono convinta che questa storia sia troppo importante per rimanere confinata nelle mani di un'organizzazione elitaria il cui unico interesse é eseguire retroingegneria sulle tecnologie trovate nel sito Ancient Arrow onde utilizzarle per i suoi scopi, per nobili che possano essere.

Inoltre mi rendo conto che l'Internet Service Provider che sta ospitando questo sito potrebbe finire sotto indagine, ma se nei suoi confronti venisse esercitata qualunque pressione per ritirare il suo servizio, questo potrebbe spingermi a divulgare i documenti di cui parlavo prima. Voglio essere esplicita: questi documenti forniscono la prova incontrovertibile di questa organizzazione segreta conosciuta come ACIO; vengono citati i suoi direttori e rivelate le loro vere identità.

Ho passato gli ultimi mesi ad arrovellarmi su come presentare questo materiale, e il modo più appropriato é sembrato quello di collocarlo in Internet per consentirne l'accesso ad un pubblico globale. Ho un amico intimo, del quale mi fido, che ha creato questo sito web. A parte lui, nessuno (compreso l'ospite del mio sito web) sa quello che ho fatto qui.

Forse vi domanderete perché ho scelto di riservarmi dalla totale divulgazione presso i media del materiale datomi dal Dr. Anderson. Posso soltanto dirvi che non voglio creare un'atmosfera da circo intorno a questa scoperta. Alla fine potrebbe finire ai media ma, per ora, il mio istinto mi suggerisce di mantenere un basso profilo tanto per questo materiale quanto per me stessa. Facendo così, spero di preservare qualche cosa della dignità di questi manufatti, e da lì farla crescere.

Non sono mai stata coinvolta in una storia di tale somma importanza, e sono sicura che se spenderete un po' di tempo in questo sito, astenendovi anche solo qualche minuto dal vostro scetticismo, vedrete quanto sia importante questa scoperta della capsula temporale. Il miglior modo in cui potete essere d'aiuto é diffondere la notizia di questa scoperta e aprire gli occhi dei vostri rappresentanti politici. Se avete dei siti web, per favore metteteli in link col sito WingMakers.

Il Dr. Anderson mi ha avvertito che l'ACIO possiede una versione avanzata di una tecnologia basata su quella che egli chiamò "osservazione a distanza". Per quel che ne capisco, l'osservazione a distanza é la capacità di accertare la posizione delle persone tramite una specie di "visione psichica" da parte di qualcuno addestrato in questa tecnologia. So che sembra tirato per i capelli, ma il Dr. Anderson insisteva che loro hanno questa capacità ed é una delle tecnologie più temute dalle persone all'interno dell'ACIO. In effetti, é risaputo che mantiene ligio il personale. Sfortunamente, questo mi obbliga a stare nascosta e a spostarmi molto nel corso dei mesi a venire, quindi non aspettatevi troppi aggiornamenti al sito web.

Credetemi, so che tutta questa storia può sembrare impossibile, ma posso solo dirvi che ho esaminato disegni dettagliati e fotografie dei manufatti prelevati presso il sito Ancient Arrow, e secondo me non appartengono nel modo più assoluto a questo tempo o mondo. Non ho mai visto nulla del genere. O i WingMaker esistono, o qualcuno ha passato un sacco di guai per convincermi del contrario, fatto sta che sono una semplice giornalista senza alcun interesse personale riguardo a operazioni segrete del governo, ET, viaggi nel tempo o manufatti alieni.

Non sono qui per convertire nessuno. Non c'é nulla cui convertirsi. Desidero semplicemente divulgare questo materiale e lasciare che ognuno lo assimili come vuole. Quando sentirò prudente farlo, aggiungerò altri documenti e manufatti dal sito Ancient Arrow ma, per ora, qui c'é materiale sufficiente per presentare a chiunque la cultura dei WingMaker.
Spero che vi prendiate il tempo di immergervi in questo materiale: se lo fate, potreste sorprendervi del risultato.

I WINGMAKER: Intervista con un Transfuga
Si presume che un gruppo governativo ultrasegreto con connessioni ET stia sviluppando la Tecnologia Lavagna Vuota, una forma di viaggio nel tempo che consente di riscrivere la storia presso 'punti di intervento' chiave.

LA PRIMA INTERVISTA COL DR. ANDERSON

Quella che segue é la prima di cinque interviste che Anne, la giornalista, ha condotto col Dr. Anderson dopo che questi l'aveva contattata in merito alla scoperta della capsula temporale dei WingMaker e prima di andarsene o scomparire. Questa sessione ebbe luogo il 27 dicembre 1997 e venne registrata su nastro con l'autorizzazione del Dr. Anderson. Finora solo due interviste, questa e un'altra effettuata la sera seguente, sono apparse nel sito web dei WingMaker. Secondo Anne, sono le esatte trascrizioni delle sue interviste registrate e probabilmente sono il modo migliore per capire la natura della scoperta Ancient Arrow e le sue implicazioni.

Anne afferma di aver preservato la trascrizione esattamente nello stesso modo in cui é avvenuta l'intervista, comprese le esatte parole ed espressioni del Dr. Anderson - anche se noi abbiamo tagliato qualcosina. Lei conta di aggiungere ulteriori trascrizioni non appena le sarà possibile, nonché in futuro effettuare ulteriori interviste.

- Editore

Anne: Lei ha fatto alcune straordinarie dichiarazioni in merito al progetto Ancient Arrow. Può cortesemente raccontare qual era il suo coinvolgimento in questo progetto e per quale motivo ha scelto di sua volontà di abbandonarlo?

Dr. Anderson: Fui selezionato per partecipare alla decodifica e alla traduzione delle pitture simboliche rinvenute presso il sito. Sono conosciuto come esperto in linguaggi e testi antichi. So parlare correntemente oltre 30 lingue diverse e un'altra dozzina di linguaggi ufficialmente estinti. A causa delle mie capacità linguistiche e della mia abilità nel decodificare simboli pittorici come i pittogrammi o geroglifici, fui scelto per questo incarico.

Fui coinvolto nel progetto Ancient Arrow sin dall'inizio, quando l'ACIO subentrò alla NSA. Inizialmente mi occupavo della scoperta del sito e del suo restauro, insieme al gruppo di sette altri scienziati dell'ACIO. Ripristinammo ognuna delle 23 camere della capsula temporale dei WingMaker catalogandone tutti i manufatti presenti.

Una volta completo, progressivamente mi concentrai a decodificare il loro peculiare linguaggio e a progettare gli indici di traduzione in inglese. Era un processo alquanto seccante, in quanto nella ventitreesima camera era stato rinvenuto un disco ottico che era inespugnabile dalle nostre tecnologie. Ritenevamo che contenesse molte delle informazioni che i WingMaker desideravano che conoscessimo su di loro. Comunque, non riuscivamo a capire come applicare le figure simboliche trovate nelle loro camere pitturate per accedere al disco.

Decisi di abbandonare il progetto dopo essere riuscito a dedurre il codice di accesso per il disco ottico. Poco dopo divenni consapevole di quella che posso solo descrivere come la presenza dei WingMaker. Sentivo come se mi stessero facendo visita...assistendomi anche nel mio lavoro...

Anne: Quando dice "facendole visita", che prova aveva che i WingMaker la stessero visitando?

Dr. Anderson: Stavo lavorando 70 ore la settimana a decodificare formule per i simboli dipinti, e questo andò avanti circa otto mesi. In questo periodo cercai ogni immaginabile combinazione per creare un codice di accesso per il disco ottico. Ero convinto che fosse il solo modo di aprirlo. Ero inoltre convinto che era stato reso difficile di proposito, almeno per i nostri cervelli odierni. Era quasi come se lo sforzo per decodificare il loro linguaggio stesse esercitando una parte del mio cervello o sistema nervoso che mi stava permettendo di comunicare con loro.

Iniziai a sentire che mi parlavano. Cominciò con una o due parole...poi una frase...forse soltanto una al giorno. Non aveva molto senso...ciò che udivo. Ma poi un giorno stavo lavorando alla pittura in una camera e vidi qualcosa muoversi nel disegno. Uno dei simboli si mosse e non era assolutamente un'illusione o un gioco di luce. Allora capii che i WingMaker potevano interagire con me, che stavano viaggiando nel tempo verso il mio periodo e che in qualche modo i loro dipinti in effetti erano portali tramite i quali si spostavano nel tempo.

Fu allora che iniziai a sentire le loro istruzioni o, più precisamente, i loro pensieri. Mi furono date immagini mentali su come utilizzare il linguaggio sumero per decodificare i loro disegni simbolici. Pensai che forse stavo diventando matto. Mi sembrava come se la mente mi giocasse degli scherzi...che stavo lavorando troppo e avevo bisogno di prendermi una vacanza, ma diedi retta alle voci perché quello che mi era stato detto di fare mi sembrava plausibile. Quando terminai col codice d'accesso e funzionò, seppi allora che stavo realmente comunicando con loro.

Anne: Ha raccontato a qualcuno...intendo il fatto che stava comunicando coi WingMaker?

Dr. Anderson: Lo tenni segreto. Non sapevo come avrei potuto spiegare il fenomeno e non volevo destare sospetti, così mi feci i fatti miei e iniziai a sviluppare gli indici di traduzione per le 8.110 pagine di testo che erano state scoperte entro il disco ottico. Era essenziale poter disporre di un indice lettera per lettera per riuscire a mantenere il significato del loro linguaggio...noi la chiamavamo "granulosità di traduzione". E quando iniziai il procedimento di traduzione del disco ottico, cominciai a vedere frammenti di immagini dei WingMaker...una specie di immagine olografica che appariva e scompariva in pochi secondi.

In tutto mi fecero visita tre volte - sempre di notte a casa mia - dicendomi che ero stato scelto per essere il loro collegamento o portavoce. Naturalmente chiesi loro, "Perché io e non Quindici?", e loro risposero che Quindici non poteva parlare per loro in quanto era già una pedina del Corteum.

Anne: Mi dica di Quindici. Che tipo é?

Dr. Anderson: Quindici é un genio di intelligenza e conoscenza senza precedenti. É il capo del Gruppo Labyrinth e lo é stato sin dalla sua fondazione nel 1963. Quando entrò a far parte dell'ACIO nel 1956 aveva soltanto 22 anni. Penso sia stato scoperto ben prima che avesse una possibilità di farsi una reputazione nei circoli accademici. Era un genio ribelle che voleva costruire computer abbastanza potenti da consentire i viaggi nel tempo. Riesce a immaginare come dev'essere sembrato un obiettivo del genere - negli anni '50 - ai suoi professori? Ovviamente non venne preso sul serio ed essenzialmente gli fu detto di allinearsi ai protocolli accademici e di eseguire ricerche serie.

Quindici giunse all'ACIO tramite un appoggio che aveva presso i Laboratori Bell. Qualcuno alla Bell aveva sentito della sua genialità e lo assunse, ma lui ben presto distanziò il loro programma di ricerca e volle applicare la sua idea di viaggio nel tempo.

Anne: Perché era tanto interessato ai viaggi nel tempo?

Dr. Anderson: Nessuno lo sa per certo. E le sue motivazioni col tempo potrebbero essere cambiate. Lo scopo accettato era di sviluppare la Tecnologia Lavagna Vuota, o BST. La BST é una forma di viaggio nel tempo che consente di riscrivere la storia in quelli che sono chiamati "punti di intervento". I punti di intervento sono i centri di energia causale che creano un evento importante come il collasso dell'Unione Sovietica o il programma spaziale della NASA.

La BST é la tecnologia più avanzata, e chiaramente chiunque ne sia in possesso può difendersi da qualunque aggressore. Come soleva dire Quindici, é la "Chiave della Libertà". Si ricordi che l'ACIO era l'interfaccia principale con tecnologie extraterrestri onde integrarle sia a livello sociale che in applicazioni militari. Eravamo esposti agli ET e sapevamo dei loro programmi. L'ACIO era spaventata a morte da alcuni di questi ET.

Anne: Perché?

Dr. Anderson: Vi erano accordi tra il nostro governo - precisamente la NSA - per collaborare con una specie ET, chiamata comunemente "i Grigi", in cambio della loro collaborazione nel rimanere nascosti e condurre i loro esperimenti biologici sotto il velo della segretezza. C'era anche un pasticciato programma di trasferimento tecnologico [TTP], ma questa é un'altra storia.

Comunque, non tutti i Grigi stavano operando secondo un programma unificato. Ve ne erano alcuni gruppi che consideravano gli umani alla stregua di animali da laboratorio. Rapivano umani ed animali, e lo hanno fatto negli ultimi 48 anni. 

Fondamentalmente stanno effettuando esperimenti biologici per determinare come adattare la loro genetica affinché sia compatibile con la struttura genetica umana ed animale. Non si sono compresi del tutto i loro interessi, ma se si accetta il loro programma dichiarato, é quello di perpetuare la loro specie. Quest'ultima sarebbe prossima all'estinzione ed essi temono che i loro sistemi biologici manchino dello sviluppo emotivo per sfruttare in modo responsabile le loro capacità tecnologiche.

Quindici fu avvicinato dai Grigi per il suo ruolo nell'ACIO, e questi desideravano allestire un programma completo di trasferimento tecnologico, ma Quindici rifiutò. Aveva già predisposto un TTP col Corteum, e sentiva che i Grigi erano troppo frazionati organizzativamente per mantenere le loro promesse. 

Inoltre, la tecnologia del Corteum sotto molti aspetti era superiore a quella dei Grigi...ad eccezione dei loro impianti di memoria e delle loro tecnologie di ibridazione genetica.

Ad ogni modo, Quindici e l'intero Gruppo Labyrinth presero in attenta considerazione un'alleanza con i Grigi, se non altro per comunicare direttamente in merito alla loro agenda dichiarata. Quindici preferiva esserne a conoscenza...pertanto venne stabilita un'alleanza che consisteva in un modesto scambio di informazioni tra noi.

Noi fornivamo loro accesso ai nostri sistemi di informazione relativi alle popolazioni genetiche e alle loro peculiari predisposizioni lungo una varietà di criteri compresi i comportamenti mentali, emotivi e fisici; e loro ci passavano le loro scoperte genetiche.

I Grigi, nonché molti extraterrestri, comunicano con gli umani esclusivamente tramite una forma di telepatia, che chiamavamo "telepatia allusiva" in quanto ci sembrava che i Grigi comunicassero in modo da tentare di condurre una conversazione verso un particolare fine. In altre parole avevano sempre un programma, e non eravamo mai sicuri se noi ne fossimo le pedine o se arrivassimo da soli alle nostre conclusioni.

Penso che fosse questo il motivo per cui Quindici non si fidava dei Grigi. Sentiva che manipolavano la comunicazione nel loro migliore interesse, piuttosto che nell'interesse in comune. E a causa di questa mancanza di fiducia, Quindici rifiutò di formare qualunque alleanza o TTP che comprendesse o integrasse le nostre operazioni sia con l'ACIO che col Gruppo Labyrinth.

Anne: I Grigi conoscevano l'esistenza del Gruppo Labyrinth?

Dr. Anderson: Non credo. In genere erano convinti che gli umani non fossero abbastanza intelligenti da nascondere i loro programmi. La nostra analisi era che i Grigi avessero tecnologie invasive che davano loro un falso senso di sicurezza verso le debolezze dei loro nemici. Non sto dicendo che lo fossimo, ma non ci siamo mai fidati di loro - e questo senza dubbio lo sapevano. Come sapevano anche che l'ACIO aveva tecnologie e intelletti che erano superiori alla massa della popolazione mondiale, ed avevano un modico rispetto, se non addirittura timore delle nostre capacità.

Ad ogni modo, non mostrammo mai loro alcuna nostra tecnologia allo stato puro né intrattenemmo discorsi approfonditi in merito alla cosmologia o alla nuova fisica. Erano chiaramente interessati ai nostri database di informazioni, e questa era la loro agenda principale per quanto riguardava l'ACIO. Quindici era l'interfaccia principale coi Grigi perché loro avvertivano in lui un intelletto comparabile. I Grigi consideravano Quindici alla stregua di un amministratore delegato del nostro pianeta.

Anne: Com'è che Quindici divenne il capo sia dell'ACIO che del Gruppo Labyrinth?

Dr. Anderson: Egli era il Direttore di Ricerca nel 1958 quando per la prima volta l'ACIO venne a conoscenza del Corteum. In tale posizione, egli era la scelta più logica per valutare la loro tecnologia e determinare il suo valore per l'ACIO. Il Corteum lo prese subito in simpatia, ed una delle prime decisioni di Quindici fu di utilizzare su sé stesso le tecnologie di accelerazione dell'intelligenza del Corteum.

Dopo circa tre mesi di sperimentazione - gran parte della quale non compariva nei suoi rapporti informativi all'allora Direttore Esecutivo dell'ACIO - Quindici venne impregnato da una enorme visione di come creare BST.

Il Direttore Esecutivo era spaventato dall'intensità dell'agenda BST di Quindici e sentì che questo avrebbe dirottato troppe risorse dell'ACIO verso un programma di sviluppo tecnologico che era dubbio. Quindici era abbastanza ribelle da ottenere l'aiuto del Corteum per fondare il gruppo Labyrinth. Il Corteum era altrettanto interessato alla BST per ragioni simili a quelle di Quindici. La Chiave della Libertà, come talvolta veniva chiamata, divenne l'agenda principale del Gruppo Labyrinth, e il Corteum e Quindici furono i suoi membri iniziali.

Nel corso degli anni successivi, Quindici selezionò la crema del nucleo scientifico dell'ACIO onde effettuare un programma di accelerazione dell'intelligenza simile a quello cui si era sottoposto lui, con l'intenzione di sviluppare un gruppo di scienziati che avrebbe potuto - in collaborazione col Corteum - riuscire ad inventare la BST. Secondo Quindici, l'ACIO era troppo controllata dalla NSA, e quest'ultima troppo immatura nella sua conduzione per adoperare responsabilmente le tecnologie che egli sapeva sarebbero state sviluppate nell'ambito del Gruppo Labyrinth. Così Quindici essenzialmente complottò per assumere il controllo dell'ACIO e nel far ciò venne aiutato dalle sue nuove reclute.

Questo accadde alcuni anni prima che io venissi assegnato all'ACIO come studente e interno. Il mio patrigno provava molta simpatia per il programma di Quindici, e fu utile nel nominare Quindici come Direttore Esecutivo dell'ACIO. Durante questa transizione vi fu un periodo di instabilità ma, dopo circa un anno, Quindici controllava saldamente i programmi tanto dell'ACIO che del Gruppo Labyrinth.

Quel che ho detto prima...circa il fatto che fosse considerato come l'amministratore delegato del nostro pianeta - fondamentalmente é questo ciò che lui é. E degli ET che interagiscono col genere umano, solo il Corteum comprende il ruolo di Quindici. Egli ha una visione peculiare dello schema per la creazione di BST, e sta ottenendo i giusti elementi umani e tecnologici che la renderanno possibile.

Anne: Cosa rende imperativa la BST per Quindici e il Gruppo Labyrinth?

Dr. Anderson: L'ACIO ha accesso a molti testi antichi contenenti profezie sulla Terra. Sono stati raccolti durante gli ultimi secoli tramite la nostra rete di organizzazioni segrete, di cui siamo una parte. Questi testi antichi non sono conosciuti presso le istituzioni accademiche, i media o la società di massa; sono decisamente potenti nelle loro descrizioni del 21mo secolo. Quindici venne a conoscenza di questi testi sin da quando venne nominato Direttore di Ricerca per l'ACIO, e tale conoscenza ha solo alimentato il suo desiderio di sviluppare la BST.

Anne: Quali erano queste profezie e chi le fece?

Dr. Anderson: Le profezie provenivano da persone che, per la maggior parte, sono sconosciute o anonime, così se le dicessi i nomi non le direbbero niente. Vede, il viaggio nel tempo può essere effettuato dall'anima a un livello osservativo; sarebbe a dire che certi individui possono spostarsi nel regno di ciò che chiamiamo "tempo verticale" e vedere eventi futuri con estrema chiarezza, ma sono impotenti nel cambiarli.

Vi sono anche quegli individui che, secondo noi, sono entrati in contatto coi WingMaker ricavandone messaggi sul futuro che loro hanno riportato in disegni simbolici o lingue morte come il sumero, il maya e il Chakobsan.

I messaggi o le profezie che fecero avevano molti elementi o temi che avrebbero dovuto verificarsi nella prima parte del 21mo secolo, intorno all'anno 2011. Il principale fra questi era l'infiltrazione di una razza aliena presso i principali governi mondiali, comprese le Nazioni Unite. Questa sarebbe una razza di predatori con tecnologie estremamente sofisticate che consentirebbero loro di integrarsi con la specie umana; vale a dire che possono sembrare degli umanoidi, ma in realtà sono un miscuglio di umano ed androide. Fu profetizzato che questa razza aliena avrebbe instaurato un governo mondiale e dominato in qualità di potere esecutivo. Si sarebbe trattato della sfida finale per l'intelligenza e la sopravvivenza collettiva del genere umano.

Questi testi sono preclusi al grande pubblico in quanto sono troppo spaventosi e probabilmente determinerebbero rappresaglie apocalittiche e paranoia di massa...

Anne: Sta dicendo quello che penso mi stia dicendo - che anonimi profeti, Dio sa da dove e quando, hanno avuto una visione della nostra futura disfatta da parte di una razza di robot? Voglio dire, si rende conto di quanto...sembri incredibile tutto questo?

Dr. Anderson: Sì...so che sembra incredibile...ma di questa stessa profezia vi sono versioni edulcorate nei nostri testi religiosi - solo che la razza aliena viene descritta come l'Anticristo, come se fosse personificata nella figura di Lucifero. Questa forma di profezia era accettabile per i custodi di questi testi e così consentirono a che fosse divulgata, ma la nozione di una razza aliena venne eliminata.

Anne: Perché? E chi é che sta censurando ciò che possiamo o non possiamo leggere? Sta forse insinuando che ci sia un comitato editoriale segreto che esamina i libri prima della loro distribuzione?

Dr. Anderson: Questo é un argomento molto complicato e mi ci vorrebbe un giorno intero solo per informarla sulla struttura generale di questo controllo dell'informazione. La maggior parte delle più importanti biblioteche al mondo dispongono di informazioni che non sono disponibili per il grande pubblico. Soltanto gli studiosi sono autorizzati ad esaminare questo materiale, e di solito soltanto sul posto.

Allo stesso modo, vi sono manoscritti che erano controversi e teorie che erano decisamente diverse dai sistemi di credenza di quel tempo. questi manoscritti o scritture furono banditi da una varietà di fonti, compreso il Vaticano, le università, i governi e istituzioni varie.

Questi scritti vengono ricercati da organizzazioni segrete che hanno la missione di raccogliere e conservare queste informazioni. Tali organizzazioni sono molto potenti e ben finanziate, e possono acquistare questi manoscritti originali dietro pagamento di somme relativamente modeste. Molti di questi vengono comunque considerati degli imbrogli, così le biblioteche sono spesso molto ben disposte a disfarsene in cambio di una donazione o di un modesto contributo. Inoltre, molti di questi sono scritti originali, non essendo mai stati pubblicati - risalendo ad un periodo antecedente all'invenzione della stampa.

Vi é una rete di organizzazioni segrete liberamente collegate ai mercati finanziari e ai loro interessi negli affari mondiali. Generalmente sono centri di potere del sistema monetario nell'ambito dei rispettivi paesi, e sono elitarie di prim'ordine. L'ACIO é affiliata a questa rete solo perché viene giustamente arguito che essa abbia la tecnologia migliore del mondo, la quale può essere adoperata per guadagni finanziari attraverso la manipolazione dei mercati.

Per quanto riguarda un comitato editoriale...no, questa rete segreta di organizzazioni non esamina i libri prima della loro distribuzione. Il suo terreno riguarda esclusivamente antichi manoscritti e testi religiosi. Queste organizzazioni hanno un interesse molto forte nelle profezie in quanto credono nel concetto di tempo verticale ed hanno un interesse di parte nel conoscere i cambiamenti macro-ambientali che possano influenzare l'economia. Vede, per molte di esse l'unico gioco che valga la pena su questo pianeta é l'acquisizione di ricchezza e potere sempre maggiori tramite una manipolazione orchestrata delle variabili chiave che spingono i motori economici del nostro mondo.

Anne: Allora, se sono così perspicaci sul nostro futuro e credono in queste profezie, cosa stanno facendo per aiutare a proteggerci da questi alieni invasori?

Dr. Anderson: Il loro aiuto finanzia l'ACIO. Questo collettivo di organizzazioni possiede ricchezze enormi - più di quanto possano comprendere molti governi. L'ACIO fornisce loro la tecnologia per manipolare i mercati monetari e raggranellare ogni anno decine di miliardi di dollari. Non conosco nemmeno lo scopo della loro ricchezza collettiva. L'ACIO riceve finanziamenti anche dalla vendita delle sue tecnologie diluite a queste organizzazioni per la loro sicurezza e protezione. Abbiamo concepito i migliori sistemi di sicurezza al mondo, i quali non sono rilevabili né espugnabili da forze esterne come la CIA e l'ex KGB.

Il motivo per cui finanziano l'ACIO é perché credono che Quindici sia il più brillante uomo vivente e sanno del suo programma generale per sviluppare la BST. Guardano a questa tecnologia come la protezione perfetta contro la profezia e la loro capacità di mantenere un relativo controllo del mondo e delle economie nazionali. Sanno anche della posizione strategica di Quindici con le tecnologie aliene e sperano che, tra il suo genio e tali tecnologie che l'ACIO sta assimilando, sia possibile sviluppare BST prima che la profezia si realizzi.

Anne: Ma perché l'improvviso interesse nella capsula temporale dei WingMaker? Che ruolo gioca in tutta questa faccenda della BST?

Dr. Anderson: Inizialmente, non sapevamo quale collegamento ci fosse tra il progetto Ancient Arrow e l'imperativo BST. Deve capire che la capsula temporale é una raccolta di 23 camere letteralmente ricavate all'interno della parete di un canyon sperduto a circa 80 miglia a nordest del Chaco Canyon in New Mexico. Senza dubbio, é la più straordinaria scoperta archeologica di tutti i tempi. Se venisse consentito agli scienziati di esaminare questo sito con tutti i suoi manufatti integri, rimarrebbero sgomenti da questa incredibile scoperta.

Le nostre valutazioni preliminari furono che questo sito era una specie di capsula temporale, lasciata da una razza extraterrestre che aveva visitato la Terra nell'ottavo secolo. Ma non potevamo capire perché l'arte rappresentasse così chiaramente la Terra - se era una capsula temporale. La sola conclusione logica fu che essa rappresentava una versione futura dell'umanità. Ma non ne fummo sicuri sino a quando non scoprimmo come accedere al disco ottico e a tradurre la prima serie di documenti in esso contenuti.

Una volta compreso chiaramente come i WingMaker volevano essere capiti, iniziammo a verificare le loro affermazioni analizzando i dipinti, le poesie, la musica, la filosofia e i manufatti nelle camere. Queste analisi ci hanno completamente confermato che erano autentici, il che stava a significare non solo che loro erano viaggiatori nel tempo, ma anche che possedevano una forma di BST...

Anne: Perché giungeste alla conclusione che possedevano BST?

Dr. Anderson: Pensavamo che avessero impiegato almeno due mesi per creare la loro capsula temporale. Per far questo avrebbero dovuto aprire, e mantenere aperta, una finestra temporale ed operare fisicamente entro la cornice di tempo selezionata. Si tratta di un requisito fondamentale della BST. Inoltre, é necessario essere in grado di selezionare con precisione i punti di intervento - sia in termini di tempo che di spazio. Pensammo che avessero questa capacità, ed essi l'hanno provato con la loro capsula temporale.

Per di più, i manufatti tecnologici che si erano lasciati dietro erano la prova di una tecnologia talmente avanzata rispetto alla nostra che non riuscivamo nemmeno a capirla. Nessuna delle razze extraterrestri che conoscevamo possedeva tecnologie così avanzate da non riuscire a esaminarle, assimilarle e riprodurle.

Le tecnologie ritrovate nel sito Ancient Arrow erano assolutamente enigmatiche e inaccessibili ai nostri esami. Le considerammo talmente avanti da essere letteralmente indiscernibili e inutilizzabili - il che, per quanto possa sembrare strano, é il chiaro indice di una tecnologia estremamente avanzata.

Anne: Così decideste che i WingMaker erano in possesso di BST, ma come pensavate di poter acquisire la loro conoscenza?

Dr. Anderson: Non lo sapevamo, e a tutt'oggi la risposta a questa domanda é elusiva. Per quattro anni l'ACIO impiegò le sue migliori risorse in questo progetto. Io avanzai l'ipotesi che la capsula temporale fosse un sistema di comunicazione in codice. Cominciai a teorizzare che lo sforzo di interagire con i vari dipinti simbolici e l'immersione nell'arte e nella filosofia della capsula influenzerebbe il sistema nervoso centrale in un modo che migliorerebbe l'intelligenza fluida. Secondo me, quello di aumentare l'intelligenza fluida era l'obiettivo principale della capsula temporale, così da potere non soltanto sviluppare ma anche utilizzare la BST...

Anne: Non la seguo. Qual é il rapporto tra BST e intelligenza fluida?

Dr. Anderson: La BST é una specifica forma di viaggio nel tempo. La fantascienza tratta i viaggi nel tempo come qualcosa di relativamente facile da progettare e sviluppare, e relativamente unidimensionale. Il viaggio nel tempo non é assolutamente unidimensionale. Per quanto il Corteum ed i Grigi siano avanzati tecnologicamente, devono ancora realizzare l'equivalente della BST. Possono viaggiare nel tempo in modo primitivo, ma non interagire col periodo in cui viaggiano. Sarebbe a dire, possono tornare indietro nel tempo ma, una volta arrivati, non possono alterare gli eventi di quel periodo in quanto si trovano in una modalità passiva, osservativa.

Negli ultimi 30 anni il Gruppo Labyrinth ha condotto sette esperimenti di viaggio nel tempo. Un risultato evidente da questi test é che la persona che esegue il viaggio temporale é una variabile necessaria alla tecnologia utilizzata allo scopo. In altre parole, é indispensabile che la persona e la tecnologia siano perfettamente armonizzate. Il Gruppo Labyrinth, per quanto se ne sa, possiede già BST però manca di un viaggiatore temporale equivalente ad un astronauta che possa manovrare appropriatamente la tecnologia in tempo reale ed effettuare le immediate regolazioni richieste dalla BST.Il Gruppo Labyrinth non ha mai considerato seriamente l'elemento umano nella BST e quanto sia indispensabile alla tecnologia stessa. Vi erano alcuni di noi, impegnati con gli indici di traduzione dei WingMaker, i quali iniziarono a comprendere quale era la natura della capsula temporale - l'aumento dell'intelligenza fluida e l'attivazione di nuovi input sensoriali indispensabili all'esperienza BST.

Anne: Però ancora non capisco cosa l'ha portata a questa conclusione.

Dr. Anderson: Una volta tradotte le prime 30 pagine di testo dal disco ottico, scoprimmo alcune cose interessanti riguardo ai WingMaker e alla loro filosofia; nella fattispecie, loro affermavano che il campo tridimensionale dei cinque sensi al quale si sono adattati gli esseri umani é il motivo per il quale noi stiamo utilizzando solo una piccola porzione della nostra intelligenza; che la capsula temporale sarebbe il ponte tra il dominio tridimensionale dei cinque sensi e quello multidimensionale dei sette sensi. Secondo me volevano dire che, per poter applicare la BST, il viaggiatore avrebbe dovuto operare nell'ambito della sfera multidimensionale, dei sette sensi. Altrimenti, la BST sarebbe il proverbiale cammello attraverso la cruna di un ago - o, in altre parole, impossibile.

Anne: Questo almeno mi sembra plausibile, ma perché era tanto difficile da credere per l'ACIO?

Dr. Anderson: Questa iniziativa in realtà veniva portata avanti dal Gruppo Labyrinth e non dall'ACIO, e sto facendo questa distinzione solo per amor di precisione, non per essere critico nei confronti della sua domanda. Per Quindici, era difficile credere che una capsula temporale potesse attivare o costruire un ponte che avrebbe portato qualcuno a diventare un viaggiatore. Questa sembrava una possibilità estremamente remota. Pensava che la capsula temporale potesse contenere la tecnologia che consentiva la BST, ma non credeva si trattasse semplicemente di un'esperienza educativa o di sviluppo.

L'altro risultato dell'immersione nei contenuti della capsula fu un senso di lealtà nei confronti della filosofia e dell'approccio alla vita dei WingMaker. Mi ritrovai a diventare sempre meno tecno-centrico, e sempre più concentrato spiritualmente. Vi era un senso di coinvolgimento provocato dai loro insegnamenti, che non riuscivo a spiegare. Qualunque fosse il motivo, iniziai a perdere la mia obiettività come ricercatore e mi ritrovai ad essere più un sostenitore dei WingMaker.

Anne: Cosa intende con la parola 'sostenitore'?

Dr. Anderson: Semplicemente che mi trovavo in accordo con quella che interpretavo come l'agenda dei WingMaker.

Anne: E qual era...o meglio, qual é secondo lei la loro agenda?

Dr. Anderson: Secondo me, il loro programma é attivare, tramite le loro capsule temporali, quella nuova coscienza che permette la BST. Credo che i WingMaker stiano cercando di aiutarci a sviluppare la nostra coscienza...le nostre capacità umane...così che noi si possa utilizzare con successo la BST come arma di difesa. Ma più in generale, ritengo che anche questa nuova consapevolezza sia già di per sé un'arma di difesa.

Anne: Ma se i WingMaker sono essi stessi dei viaggiatori nel tempo, in possesso di BST, perché non possono occuparsi degli alieni ostili nel 2011?

Dr. Anderson: Non lo so. Mi creda, ci ho riflettuto parecchio, così come ha fatto tutto il gruppo al lavoro sul progetto. Forse la loro principale preoccupazione nei nostri confronti non é la BST, quanto aiutarci a spostarci dal dominio tridimensionale dei cinque sensi alla ben più potente consapevolezza multidimensionale dei sette sensi. Forse non sono in grado di accedere ai punti di intervento perché manca loro qualche porzione di informazione critica. O forse non sono coscienti della necessità in quanto abbiamo già risolto il problema nel 2011.

Tutto quello che so é che abbiamo sei ipotesi diverse, ma non abbastanza dati per giungere ad una conclusione. Tenga presente che dal disco ottico é stato ricavato e tradotto in inglese soltanto il sette per cento circa del testo. L'ACIO manca ancora di gran parte delle informazioni che consentirebbero di capire l'autentica natura delle capsule temporali e i propositi dei WingMaker.

Anne: Facciamo una piccola pausa e riprendiamo dopo un buon caffè, d'accordo?

Dr. Anderson: D'accordo.

(Pausa di circa dieci minuti... Riprende l'intervista...)

Anne: Durante la pausa, le ho chiesto in merito alla rete di organizzazioni segrete che ha menzionato, della quale fa parte l'ACIO. Può dirci di più su questa rete e su quale sia la sua agenda?

Dr. Anderson: Vi sono molte organizzazioni che hanno un nobile aspetto e un interno segreto. In altre parole, possono avere programmi esteriori che promuovono presso i loro impiegati, i loro membri ed i media, ma vi é anche un'agenda segreta e ben nascosta di cui é informato soltanto il nucleo più interno dell'organizzazione. Gli anelli esterni o membri protettori, come vengono talvolta chiamati, sono soltanto vetrinistica per coprire la vera agenda dell'organizzazione.

IMF (Fondo Monetario Internazionale, ndt), Foreign Relations Committe, NSA, KGB, CIA, Banca Mondiale e Federal Reserve sono tutti esempi di queste strutture organizzative. I loro nuclei interni sono uniti a formare una elitaria società segreta con la propria cultura, economia e sistema di comunicazioni. Questi sono i ricchi e i potenti che hanno unito le forze per poter manipolare i sistemi politici, economici e sociali del mondo onde favorire la propria agenda.

Quest'ultima, per quanto ne so, riguarda fondamentalmente il controllo dell'economia mondiale e delle sue risorse vitali - petrolio, oro, riserve di gas, platino, diamanti, etc. Questa rete segreta ha utilizzato tecnologia proveniente dall'ACIO allo scopo di assicurarsi tale controllo. Sono ben addentro al processo di creazione di un'economia mondiale integrata basata su un equivalente digitale della cartamoneta. Questa infrastruttura é già pronta, ma sta necessitando di più tempo del previsto per l'implementazione a causa della resistenza di forze competitive che non comprendono l'esatta natura di questa rete segreta ma avvertono intuitivamente la sua esistenza.

Queste forze competitive generalmente sono affaristi e politicanti affiliati alla transizione verso un'economia globale, digitale, che però vogliono avere qualche controllo sullo sviluppo dell'infrastruttura, e a causa delle loro dimensioni e posizioni sul mercato possono esercitare una notevole influenza su questa rete segreta.

La sola organizzazione di cui sappia che sia totalmente indipendente dalla sua agenda e pertanto la più potente, o organizzazione alfa, é il Gruppo Labyrinth. E si trova in questa posizione a causa del puro e semplice grado delle sue tecnologie e dell'intelletto dei suoi membri. Tutte le altre organizzazioni - siano esse parte di questa rete segreta o potenti corporazioni multinazionali - non sono in controllo dell'esecuzione della loro agenda. Sono fondamentalmente abbarbicate in una battaglia competitiva.

Anne: Ma se tutto questo é vero, allora colui che gestisce questa rete segreta é Quindici?

Dr. Anderson: No. Lui non é interessato all'agenda di questa rete segreta, che considera una seccatura. Non é interessato al potere o al denaro. É attratto solo dalla missione di costruire BST per contrastare gli ostili attacchi alieni che sono stati profetizzati da 12.000 anni. Ritiene che la sola missione degna di schierare il considerevole potere intellettuale del Gruppo Labyrinth sia lo sviluppo dell'arma finale di difesa, o Chiave della Libertà. É convinto che solo il Gruppo Labyrinth abbia una possibilità di farcela prima che sia troppo tardi.

Tenga a mente che il Gruppo Labyrinth consiste di 118 umani e approssimativamente 200 Corteum. La capacità intellettuale di questo gruppo, dedito specificamente allo sviluppo di BST prima della presa di potere degli alieni, é un'impresa realmente notevole che in confronto fa sembrare il Progetto Manhattan una festa d'asilo. Forse sto esagerando un po' per fare impressione...ma sto sottolineando che Quindici sta guidando un programma molto più critico di qualunque altra cosa sia stata intrapresa nella storia del genere umano.

Anne: Allora se Quindici sta portando avanti il proprio programma, il che é proprio quanto sta affermando, perché mai lei starebbe disertando da un'organizzazione simile?

Dr. Anderson: L'ACIO dispone di una tecnologia per l'impianto di memoria la quale può efficacemente eliminare con precisione chirurgica dei ricordi selezionati. Ad esempio, questa tecnologia potrebbe eliminare il suo ricordo di questa intervista senza toccare quelli precedenti o successivi. Lei al massimo potrebbe semplicemente avere una sensazione di tempo mancante, ma non ricorderebbe nient'altro.

La mia intuizione mi ha fatto presagire di essere un candidato per tale procedura a causa del comportamento che esibivo nei riguardi dei WingMaker. In altre parole, venivo ritenuto un simpatizzante della loro cultura, filosofia e missione - ciò che conoscevo in proposito. Questo mi rendeva un potenziale rischio per il progetto. Il Gruppo Labyrinth, nel vero senso della parola, aveva timore dei propri membri a causa del loro enorme intelletto e capacità di dimostrarsi astuti e ingegnosi.

Questo ha determinato un costante stato di paranoia, vale a dire che venivano schierate tecnologie che aiutavano a garantire l'adesione al programma di Quindici. Molte di queste erano invasive, ed i membri del Gruppo Labyrinth vi si sottoponevano di loro volontà per poter far fronte più facilmente alla paranoia. Diversi mesi fa iniziai sistematicamente a chiudere con queste tecnologie invasive - in parte per vedere quale sarebbe stata la reazione di Quindici, e in parte perché ero stanco della paranoia.

Mentre lo facevo, divenne evidente che stavano montando i sospetti e che sarebbe stata solo una questione di tempo prima che mi richiedessero di sottostare alla terapia mnemonica. Ciò che ho appreso dalla capsula temporale dei WingMaker é qualcosa che non voglio dimenticare. Non voglio rinunciare a questa informazione: é divenuta una parte fondamentale di ciò in cui credo e di come voglio vivere la mia vita.

Anne: Non avrebbe potuto semplicemente defezionare senza andare in cerca di un giornalista che voglia divulgare questa storia? Voglio dire, non avrebbe potuto andarsene su un'isola a vivere la sua vita senza rivelare mai l'esistenza del Gruppo Labyrinth e dei WingMaker?

Dr. Anderson: Lei non capisce...il Gruppo Labyrinth é intoccabile. Loro non hanno paura di ciò diffondo presso i media. La loro unica preoccupazione é il terribile precedente di una diserzione. Io sono il primo. Nessuno l'ha mai fatto in precedenza. E il loro timore é che se io diserto e me la cavo, lo faranno anche altri. E non appena accadesse, la missione verrebbe compromessa e la BST potrebbe non vedere mai la luce.

Quindici e i suoi dirigenti prendono molto sul serio la loro missione: sono fanatici di prim'ordine, il che é un bene e un male - bene nel senso che sono concentrati e lavorano sodo allo sviluppo della BST; male nel senso che il fanatismo genera paranoia.

Il motivo per cui ho cercato un giornalista come lei col quale condividere questa conoscenza é che non voglio che la capsula temporale dei WingMaker venga sottratta all'umanità. Penso che quanto contiene debba essere condiviso, e che questo fosse il loro proposito.

Anne: Questa sembrerà una strana domanda, ma perché mai i WingMaker avrebbero nascosto la loro capsula temporale e poi codificato in maniera così complessa il suo contenuto se volevano che quest'ultimo venisse condiviso con l'umanità? 

INDIRIZZO AMICO/A: