IL MISTERO DI SLENDER MAN


La storia di "
Slender Man" è una delle vicende piu' inquietanti e misteriose che si siano mai udite, una storia sulla quale spesso è stata posata una cortina fumogena per celare un terribile segreto che ha falcidiato la pace di intere famiglie con quella che certamente puo' essere definita la piu' grande tragedia che possa capitare a un essere umano: il rapimento, la sparizione dei propri bambini.

Negli ultimi tempi,anche grazie a un concorso fotografico che ha incentivato la creazione di numerosi fake, si sono moltiplicati gli avvistamenti di Slender Man.... alcuni ovviamente falsi, altri estremamente verosimili anche perchè associati ad effettive morti/sparizioni di bambini.

Slenderman appare come un uomo alto e pallido, completamente privo di tratti somatici nel volto. Indossa una giacca nera con una cravatta e può far fuoriuscire tentacoli dalle sue spalle. Capita, in rari casi, che testimoni abbiano visto aprirsi una bocca, fornita di denti aguzzi e una lingua nera molto lunga che usa per strozzare le vittime.

Lo Slender Man non ha una faccia. Il suo obiettivo è quello di rapire i bambini, secondo quanto si è riuscito a capire fino ad oggi. Sono state ritrovate diverse fotografie nelle quali si trova in mezzo ai bambini, proprio in parchi di divertimento, giardini pubblici o comunque luoghi di ritrovo per i più piccoli.

Proprio nei luoghi delle apparizioni di questa misteriosa figura, ogni volta si riportava la notizia della scomparsa di alcuni bambini. Sono in molti ad affermare di averlo visto, addirittura incontrato, oppure di averlo visto in sogno. In alcuni casi, delle persone sono riuscite a percepire la sua presenza, in luoghi bui o in boschi oscuri.

Nel Giugno del 2009, un ragazzo che su YouTube veniva identificato come MarbleHornets, iniziò a pubblicare dei video nei quali veniva ripreso un certo Jay, uno studente che stava girando un film amatoriale per portare a termine un progetto scolastico: purtroppo, questi improvvisamente scomparve, e nei vari video è stato identificato proprio lo Slender Man.

Si dice che Slenderman sia il padre di un bambino morto anticamente in un incendio e che le fiamme gli avessero totalmente sfigurato il viso (ecco perchè lo Slenderman non ha tratti facciali). Questo "padre" da allora si aggira sempre in luoghi dove sono presenti bambini, proprio perchè vuole ritrovare suo figlio morto;

Grazie ai suoi lunghissimi tentacoli puo camminare anche come un ragno e prendere la forma di questo o anche di un albero.

Si dice che Slenderman faccia scomparire i bambini. Per fare ciò usa diversi poteri come ad esempio i suoi arti prolungabili o i suoi tentacoli. Si dice che i tentacoli di Slenderman abbiano un'effetto ipnotico che costringe le vittime ad andare verso di lui.

Non si sa che fine facciano le vittime. Una delle tante teorie è che Slenderman li porti in un'altra dimensione.

[...] Ma non tutti forse sono a conoscenza di quello che si nasconde dietro alla figura dell’ Uomo Alto, il rapitore di bambini, il mostro senza volto dove la recensione di un cortometraggio a lui dedicato. In primis, la figura dello Slenderman come si conosce adesso (quell’uomo alto, senza faccia vestito con giacca e cravatta), risale al 2009 quando il fotografo Eric Knudsen, partecipando al concorso fotografico organizzato dal sito “Something Awful”, ritoccò alcune fotografie che ritraevano bambini al parco, inserendoci la figura secca e ben vestita dell’Uomo Alto. Questa serie di foto, sviluppate in color seppia, impressionò a tal punto la giuria che Eric vinse il concorso. Come spesso accade, le foto iniziarono a girare in rete e in breve tempo diventarono virali: centinaia di racconti dell’orrore e fan art hanno infatti come protagonista proprio lo Slenderman di Knudsen.

Appurato quindi che le foto che girano in rete sono soltanto dei fake.., resta comunque il mistero più profondo: lo Slenderman esiste davvero?

Fin dall’antichità, in ogni parte del globo, indistintamente dall’epoca e dalle culture dei popoli si è sempre parlato dello Slenderman: una figura magra, altissima e senza volto, con dei tentacoli sulla schiena, pronti ad afferrare la sua preda. Uccisore di bambini e di donne, ma talvolta anche di combattenti e di eroi. Proviamo a fare una “scarrellata” veloce di quali sono gli esempi che si avvicinano di più alla figura dello Slenderman e vedrete che, da oggi in poi, non dormirete più sonni tranquilli:

Der Grossmann (Germania): la figura dell’Uomo Alto (The Tall Man) entra nella mitologia tedesca intorno al 16° Secolo. E’ solitamente descritto come un mostro dei boschi, simile ad un folletto, che attira i bambini la notte e li convince a seguirlo raccontando loro bugie sui propri genitori. Sempre in Germania troviamo molte descrizioni di un altro mostro chiamato “The Erlking”: si parla di lui in un famoso poema di Goethe ed è descritto come una figura che vive nella foresta e rapisce i bambini. E’ una figura eterea, come uno spettro che uccide soltanto i bambini che riescono a percepire la sua presenza. Gli altri svaniscono nel nulla, come trasportati in un’altra dimensione (forse quella da cui lui deriva).

Fear Dubh (Scozia): in una leggenda scozzese, si parla del Fear Dubh (The Black Man), come una entità malevola che cammina nei boschi la notte attirando a se i bambini. Spaventa i bambini cattivi nel sonno e ha le stesse caratteristiche fisiche dello Slenderman.

The Clutchbone (Inghilterra): leggenda risalente al 1800. Si parla di un mostro con la pelle dura come il cuoio e con la faccia senza lineamenti ma con un buco al suo centro. Esce allo scoperto la notte e distrugge villaggi incendiandoli con sfere di luce (o fulmini a seconda della versione della storia), generate dai tentacoli presenti sulla sua schiena. Appena provocata morte e devastazione, crea un portale e si nasconde al suo interno tornando da dove è venuto.

The Corrector (Russia): questa figura alta e magra si insinua nelle case e rapisce i bambini nati per errore o non voluti. Predilige i bambini nati “senza padre”.

The Bundle (Nord America/Europa): è una figura senza volto o con il volto che cambia continuamente aspetto, talmente veloce da risultare confuso, come un vortice. Il corpo è fatto di ombra e scivola sotto ogni tipo di oggetti. Può nascondersi ovunque e proprio per questo è chiamato anche Boogie-Man (l’Uomo Nero, come tutti conosciamo). Sempre nel Nord America si parla di una creatura simile ad un ragno che rapisce le vittime stringendole tra le sue zampe e le porta nelle profondità delle paludi. Bundle in inglese significa appunto “impacchettare”, proprio come fa questa creatura con i bambini rapiti.

Hupia (Caraibi): già in età precolombiana si parlava di questa creatura umanoide, senza volto, che sorveglia, paralizza e fa impazzire le proprie vittime. Nella cultura Taino viene identificato come lo spirito della morte.

Nopperabou (Giappone): tradotto come “fantasma senza faccia” il Noppera-Bo è una leggendaria creatura del folclore giapponese dalle stesse fattezze di un Hobgoblin. Ha la facoltà di cambiare volto per avvicinare a se le vittime (impersonificando quindi una persona cara o un familiare), per poi rivelare la sua vera natura. La cosa spaventosa è che stacca, proprio come un post-it, la faccia delle vittime in modo da poterle indossare a suo piacimento. Oltre al Nopperabou esiste anche lo Yokai, creatura identica allo slenderman, alto, senza volto e che uccide le sue vittime nei boschi.

Hundun (Cina): descritto come un mostro dalle molte braccia, umanoide ma privo di ogni emozione o sentimento umano. E’ associato alla personificazione del caos. Leggenda vuole che si possa uccidere forandogli gli occhi.

Alu (Babilonia): già ai tempi dei Sumeri si parlava di una creatura metà uomo e metà demone senza un volto. Era noto per colpire le proprie vittime durante il sonno, terrorizzandole mentre dormono. Si dice inoltre che il demone riesca a causare perdita di conoscenza, shock visivi, e perdita dell’uso della parola.

 (Brasile – Capivara National Park – Egitto): sulle famose pareti brasiliane, risalenti a 9000 anni prima della nascita di Cristo, c’è una strana pittura muraria che raffigura un essere alto e magro che tiene tra le sue mani il corpo di un bambino. La stranezza è che la cosa descritta non è pertinente con nessun altro disegno lasciato sul muro, che raffigura scene di caccia o di vita quotidiana. Anche nelle raffigurazioni geroglifiche dell’Antico Egitto esiste la figura di un uomo alto con molte braccia. Questa creatura è conosciuta con il nome di “Ladro degli Dei” ed è molto comune trovarla nelle iscrizioni.

Come possiamo vedere, questa figura leggendaria la possiamo trovare in un arco di tempo che va dal 9000 A.C. fino ai giorni nostri.

Che ci sia qualche verità è dunque innegabile dato che ogni leggenda basa le sue fondamenta su una parte
reale, ma lascio che ognuno tragga le sue conclusioni, senza potervi condizionarvi in alcun modo. in alcun modo.

> GIANT SPIDER OR SLENDER MAN IN RUSSIA 2013 < 

Descrizione del personaggio

Aspetto fisico

Lo Slender Man viene descritto come un uomo di carnagione bianca, di corporatura snella, alto circa 240 cm. Il suo volto risulta privo di occhi, naso, bocca e orecchie. Presenta due braccia lunghe fino alle ginocchia che terminano in grosse mani con dita provviste di artigli. Inoltre, dalla sua schiena fuoriescono tentacoli neri. Indossa un abito nero con una cravatta nera o rossa.

Comportamento

Lo Slender Man tenta abitualmente di rapire dei bambini di età compresa tra i 5 e i 15 anni, ma non è raro che prenda di mira anche adolescenti e adulti. Si trova spesso nelle foreste o in luoghi abbandonati e bui, ma sono stati segnalati avvistamenti anche in zone abitate. Una volta che ha scelto la sua preda, può seguirla fino in città o in casa o addirittura perseguitarlo in capo al mondo, rendendosi visibile soltanto a lei e alle persone che le stanno accanto. Di solito, le sue apparizioni avvengono gradualmente: all'inizio si limita ad apparire in lontananza o a lasciare indizi sulla sua presenza, ma col passare del tempo le sue apparizioni diventano sempre più frequenti e sempre più vicine alla preda. Le vittime dello Slender Man entrano in paranoia e cominciano ad avere addirittura allucinazioni e malesseri vari, tranne i bambini che a volte assumono un comportamento amichevole nei suoi confronti, facilitandogli così la cattura. Le prede adulte, una volta che vengono prese di mira da questa creatura, non possono liberarsi della sua presenza o sfuggirle. Questo porta spesso le vittime a scegliere il suicidio (considerato l’unico modo per non farsi catturare). I corpi delle vittime vengono trovati di rado, completamente deturpati. I cadaveri dei suicidi vengono di norma ritrovati intatti.

Poteri

Lo Slender Man possiede diversi poteri. Uno dei più conosciuti è la capacità di teletrasportarsi (o muoversi molto velocemente) da un luogo all'altro e di mimetizzarsi nell'ambiente circostante. È inoltre in grado di causare interferenze a tutti i componenti elettronici e apparecchiature elettroniche. Può provocare anche malesseri vari e sintomi come: vertigini, nausea, disorientamento, vomito, mal di testa, svenimento, perdita di memoria temporanea e sanguinamenti vari. In forme più gravi: Insonnia, paranoia, aggressività, panico, ansia, allucinazioni, autolesionismo, disturbo dissociativo dell'identità, disturbo ossessivo-compulsivo di personalità. Questi sintomi vengono associate alla sindrome dello Slender Man Sickness (in italiano: Malattia dello Slender Man) che sono gli effetti delle sue interferenze.

> Antica fotografia scozzese che ritrae lo Slenderman che osserva un gruppo di bambini.

 

 

 

 

 

 

 

Fotografato lo Slender Man in riva all’Arno?

Quelle che seguono sono una serie di fotografie scattate nell’inverno del 2010 da una webcam posta in riva all’Arno vicino alla città di Pontedera. Durante la notte del 2 Gennaio 2010, mentre l’Arno era in piena, una strana figura è stata fotografata intenta a guardare il corso tumultuoso e fangoso delle acque (foto in alto). Sin qui nulla di strano, se però si confrontano le foto seguenti, scattate nel mattino successivo, si noterà che quella particolare figura era diversa da un comune essere umano.

Altezza sui 2.30 / 2.50 circa, fisico stretto e affusolato, forse con indosso uno strano “cappotto“, con una testa piccola e di una particolare forma ovale o ricoperta da qualcosa…

 

Nei giorni successivi la webcam è stata misteriosamente spenta ed è rimasta non operativa per molte settimane. Riprese le regolari attività durante la primavera del 2010, l’opzione di scattare fotografie in notturna è stata stranamente e senza alcuna spiegazione rimossa, lasciando l’archiviazione delle immagine solamente nel periodo diurno. Cosa c’era di così sconcertante da censurare? Forse quella strana figura è solerte frequentare quel tratto di argine dell’Arno, tanto da rendere necessario oscurare il suo passaggio?

Film

- Il film "I bambini di Cold Rock" (titolo originale: "The Tall Man") narra di una piccola città negli USA, dove molti bambini sono scomparsi senza lasciare traccia. La superstizione cittadina parla di un uomo alto e scuro, che li rapisce nel cuore della notte. Si pensa che il film sia stato ispirato dallo Slender Man.

- Slender - film di 120 min (2014)
- Always Watching: A Marble Hornets Story - film di 92 min (2015)
- The Slender Man - in produzione dal 2015
- Entity - in produzione dal 2012

Videogiochi

- Nel famoso videogioco "Minecraft", esiste un mostro chiamato Enderman chiaramente ispirato allo Slender Man sia per il nome che per le abilità. Lo steso Notch ha dichiarato nella discussione su Reddit, che avrebbe dato un nome che avrebbe fatto riferimento allo Slender Man, essendo che si è ispirato a questo ultimo per creare l’Enderman.

- Nel videogioco "Watch Dogs", ci sono dei grafiti sparsi in diversi punti della città abbastanza simile allo Slender Man con un volto bianco senza faccia e un vestito con cravatta neri. È stato mostrato per la prima volta nel primo trailer demo su PlayStation 4. Originariamente si poteva vedere nel vicolo vicino alle "Pharmingtons farmacia" di "The Loop", ma nella versione finale del videogioco è stato cambiato in "ATM", che è ancora più vicino alla farmacia. Inoltre nel videogioco ci sono dei graffiti che mostrano una foresta priva di foglie, anch'essa considerata un riferimento allo Slender Man.

- Nel videogioco "Plants vs. Zombies: Garden Warfare", nella mappa "Tenuta di Zombotron" a destra della foresta si può notare una figura: lo Slender Man.

- Nel videogioco "Runner2: Future Legend of Rhythm Alien", in uno dei livelli si può vedere nello sfondo Slender Man.[56]

- Nel videogioco "Metro: Last Light", si possono trovare dei cartelli pubblicitari con un uomo senza volto e vestito con un abito elegante nero.

Cartoni animati

- La creatura compare anche nell'episodio 5 di "A Tutto Reality: All-Stars" come easter egg. Quando il conduttore dello show Chris osserva i concorrenti nella foresta attraverso degli schermi, in uno di essi è presente proprio lo Slender Man.

- La creatura compare anche nella quarta stagione nell'episodio 9 di "My Little Pony - L'amicizia è magica" come easter egg. Quando Applejack e gli altri temono che Pinkie Pie non voglia far parte della loro famiglia visto come si sono comportati, Pinkie li dissuade dicendogli che sono "la famiglia più fantastica del mondo". Nell'istante esatto in cui Pinkie Pie salta addosso ad Applejack, nel cespuglio dietro la famiglia Apple si vede una creatura senza volto con un abito nero e con una cravatta dello stesso colore. La scena è talmente veloce che necessità rallentare la frequenza dei fotogrammi di 0.25x per notarlo.

Serie TV

- Nella sesta stagione della nuova serie televisiva "Doctor Who" ci sono delle creature chiamate “The Silence” (una razza aliena della serie tv), create sulla base di diversi elementi di ispirazione tra cui: I Men In Black, i Aye aye, I grigi e L'urlo di Edvard Munch. Il risultato è una creatura molto simile allo Slender Man; di conseguenza, molti fan hanno attribuito una evidente ispirazione a quest'ultimo, anche se gli autori affermano trattarsi di una pura coincidenza.

- Nella nona stagione dell'episodio 15 di "Supernatural", i fratelli Winchester trovano i Ghostfacers, che indagano su delle misteriose uccisioni da quello che pensano essere un fantasma. Il mostro è stato chiamato Thinman (in italiano: l'uomo sottile), è privo di volto e veste un abito nero. Molti credono che gli autori della serie si siano ispirati a Slender Man.

- Nella terza stagione dell'episodio 2 di "Lost Girl", Una creatura si presenta con l'aspetto del Slender Man e con poteri simili. Quando l'eroina le chiede che cosa è, egli risponde che tra i tanti nomi che gli sono stati dati, Slender Man è uno dei più recenti.

La diffusione della leggenda su internet è impressionante, così come il numero di fake, che supera di gran lunga gli avvistamenti reali.

C'è anche il gioco scaricabile da Iphone slendergame.com

 > ALTRE LETTURE CONSIGLIATE > DJINN - MOTHMANL'ALDILA' SUCCUBE - MONACELLO - VAMPIRISMO - LARVE ASTRALI - EGREGORE - FORME PENSIERO - PROGETTO MAHA - LOS VOLADORES - VIAGGIO ASTRALE - ESSERI OMBRA - THE MATRIX - SEDUTE SPIRITICHE - ESPERIENZE PERSONALI - BAMBINI DAGLI OCCHI NERIRAPITA DAGLI ALIENI - DIFENDIAMOCI DAGLI DEI - ORIGINE DELLA TRAPPOLA - MAGNETISMO E AGENDA NWO

INDIRIZZO AMICO/A: