DEFINIZIONE:

La definizione "Ipnosi regressiva" è attualmente quella più usata per far riferimento alla tecnica terapeutica in grado di indurre lo stato psicofisico che permette "la rievocazione, la comprensione, l’elaborazione e l’integrazione" di vissuti più o meno remoti. Infatti l'ipnosi è utilizzata per attivare la capacità regressiva della mente, e richiamare episodi traumatici che devono essere rielaborati ed armonizzati affinché possa compiersi il percorso evolutivo.

Ogni accadimento che si succede nel corso dell’esistere deve essere infatti integrato all’interno del "percorso evolutivo personale" per portare l’individuo a realizzare le "potenzialità esistenziali", cioè l’insieme di talenti, capacità, doti peculiari, che fanno di ogni uomo un "genio" e che permettono a ciascuno di realizzare il fine unico ed irripetibile per cui è venuto al mondo. 

A questo fine l'ipnosi regressiva è il metodo elettivo.

IPNOSI REGRESSIVA E TRAUMA PSICHICO

Alcuni vissuti, per varie ragioni, vengono non integrate all’interno del percorso evolutivo: perché non compresi, perché rifiutati, perché dolorosi.

Essi rimangono come unità dissociate della mente, come corpi estranei all’interno della coscienza, enucleati dalla personalità e determinano dispersione, spinte caotiche e autodistruttive: chiusi in un guscio che li rende resistenti al cambiamento, parassiti incistati della psiche, assorbono energie e risorse, impediscono la realizzazione delle potenzialità esistenziali, sottraggono capacità e talenti, arrestano il percorso evolutivo, determinano atteggiamenti disturbanti, causano patologie psichiche e fisiche.

I vissuti non compresi, rifiutati, dolorosi, che si comportano come elementi dissociati e perturbanti della personalità: possiamo pertanto chiamarli " vissuti traumatici ".

IPNOSI REGRESSIVA LIBERAZIONE, CATARSI

La mente ha spontaneamente la capacità di liberarsi della maggior parte di questi corpi estranei: vissuti positivi, relazioni ricche di amore, incontri improntati all’ empatia, riescono a spezzare il guscio dei vissuti traumatici e a far confluire all’interno dell’unità della persona le energie bloccate e disgreganti. Inoltre alcuni stati di coscienza naturali che si instaurano sia durante la veglia che durante il sonno ( ad esempio durante la fase del sogno ), sono in grado di elaborare i vissuti traumatici e ricondurre nel circuito psichico le risorse mentali sottratte e deviate. Questa capacità della mente di eliminare spontaneamente i vissuti traumatici, di liberarsi dalle conseguenze negative che ne derivano, possiamo chiamarla "catarsi" sinonimo di autopurificazione, autoliberazione.

Tuttavia non tutti i traumi psichici vengono superati in questo modo e molti possono persistere a tempo indefinito impoverendo in misura a volte notevole la personalità.

L’ipnosi regressiva è la tecnica in grado di attivare la catarsi: l’ipnosi regressiva sintonizza la mente sullo stato di coscienza che libera dai vissuti traumatici e rievocandoli ne permette la rielaborazione e l’integrazione nella personalità.

L’ipnosi regressiva ( con più esattezza potremmo chiamarla "ipnosi catartica" "ipnosi di liberazione") ha quindi una sua tecnica particolare che la differenzia nettamente da tutte le altre tecniche ipnotiche.

Per contatti con esperti in ipnosi regressiva ed evolutiva:

339 - 1216605

MENPHIS75, NON HA NIENTE A CHE VEDERE, CON L'ARTICOLO CITATO QUI SOPRA E IL NUMERO TELEFONICO. TALE TESTO MI E' PERVENUTO VIA E.MAIL, ED E' STATO MESSO ON-LINE, SOLO A TITOLO DI INTERESSE E INFORMAZIONE COMUNE.

SEBBENE NON FA PARTE DELL'ARTICOLO QUI SOPRA, CONSIGLIO ANCHE UNA LETTURA A QUESTO LINK

INDIRIZZO AMICO/A: