IN QUESTA PAGINA VERRANNO ELENCATI GLI ALIENI PIU PRENSENTI SUL NOSTRO PIANETA, MA RICORDIAMOCI CHE LE RAZZE VIVENTI NELL'UNIVERSO SONO PIU' DI QUANTO UNO POSSA IMMAGINARE...

GRIGIO

I piccoli Grigi provengono da Zeta Reticuli, vicino la stella Barnard, che fa parte del sistema di Orione. Sono molto piccoli (100/120 cm. di altezza), di colore grigio argento, non hanno sistema riproduttivo e digerente. Vengono creati attraverso un processo di clonazione per mezzo dell’ ingegneria genetica. Sono una razza molto antica e si sono riprodotti per migliaia di anni. Hanno grandi occhi neri a mandorla, una fessura al posto della bocca e due buchi in luogo del naso. Comunicano telepaticamente. Si sono evoluti oltre il processo di riproduzione sessuale così che i loro organi genitali e il tratto digerente sono totalmente atrofizzati. Non hanno la capacità di nutrirsi o di appagarsi con attività sessuali. Sono parenti stretti della famiglia degli insetti. 
I piccoli Grigi sono gli alieni coinvolti nelle mutilazioni di bestiame bovino. Essi assorbono certe sostanze da parti del bestiame bovino che li stabilizzano durante il processo di clonazione. 
Tali sostanze possono essere messe sotto la lingua per dargli sostentamento e stabilità per un certo tempo e provengono da membrane mucose: labbra, naso, genitali , retto ed anche da certi altri organi. Queste sostanze ghiandolari servono come nutrienti al posto del cibo. Il loro unico obbiettivo è conquistare la Terra e ridurre tutti i suoi abitanti in schiavitù. Conducono esperimenti sugli umani senza anestesia e non conoscono i sentimenti e sono quindi spietati!

GRIGIO CLASSICO

Grigio "dal famoso video di Ray Santilli"
Altezza: 1.70 circa
Pelle: liscia e spessa, secondo alcuni (dato che il video è in bianco e nero) la pelle in origine era grigia.
Muscolatura: Molto simile all'umana, forte e tonica, tranne che nello stomaco, un pò largo (a meno che la dilatazione dello stomaco non sia dovuta ad un fenomeno decompositivo post-mortem).
Capelli: assenti.
Mani: sei dita, simili alle umane
Occhi: scuri, grandi, pupilla larghe coperte dal lenti scure.
Abiti: non risultano agli atti. Nelle testimonianze del crash del 1° giugno 1947 si parla di tute aderenti grigio-azzurre.
Biologia: la fisiologia in generale è molto simile all'umana, muscolatura e tutto il resto. Dal video della dissezione si evince la presenza di una circolazione sanguigna, di un sistema cardiaco, apparato digerente e altri organi in generale riconducibili alla fisiologia umana, anche se con fortissime differenze sostanziali. Le sei dita dell'essere fanno pensare che l'apparato di guida alieno esadattile mostrato in certe foto scattate nello stesso periodo del video possano appartenere a questa razza, il che fa propendere per l'idea di una forte manualità, dove invece altre razze di Grigi sembra possiedano un sistema di guida controllato dalle onde cerebrali. 

GRIGIO ALTO

Altezza: 1.75-1.80 circa
Pelle: grigio chiaro, oppure giallina diafana, a volte bianca, liscia o grinzosa.
Muscolatura: esile, asciutta, l'ipotonicità muscolare è messa ancora più in evidenza 
Occhi: scuri, grandi, allungati a mandorla e inclinati.
Abiti: vari, spesso appaiono completamente nudi, altre volte hanno vestiti bianchi o chiari.
Biologia: Non sono disponibili molti dati, tranne l'innaturale lentezza con cui spesso si muovono questi esseri. Sembrano spesso ricoprire ruoli di comando, e possiedono talvolta una sorta di saggezza ancestrale.

GRIGIO ORANGE

Pelle: dorata, nelle femmine è arancione (da qui il nome), un pò ruvida.
Muscolatura: esile e asciutta.
Capelli: assenti, la testa ha la forma di un cuore (incavata al centro).
Mani: cinque dita, nelle femmine tre.
Occhi: scuri e grandi
Abiti: vari, a volte sono stati visti con delle tute aderenti.
Biologia: pochi dati a disposizione, sembra comunque che questi esseri abbiano forti capacità telepatiche e la possibilità di assumere gli aspetti che preferiscono. Il fatto che secondo alcuni addotti abbiano una base in Alaska e che per ucciderli alcuni agenti governativi li mettano in una camera ipercalorica fa pensare che il loro habitat naturale sia di tipo nordico. Secondo altre informazioni, avrebbero la possibilità di reincarnarsi anche in esseri umani.

INSETTOIDI CAVALLETTA

Altezza: 1.9/2.30 o più
Pelle: dura (probabile esoscheletro), marroncina o verde, liscia, talvolta costellata di porzioni di pelle in rilievo.
Muscolatura: liscia e filiforme, quasi assente.
Capelli: assenti, talvolta sulla testa si evidenziano protuberanze simili ad antenne
Mani: a volte hanno qualcosa di simile a delle mani con due o tre dita, altre vengono segnalati con delle zampe simili a quelle degli insetti.
Occhi: molto grandi, circondano la testa anche di lato, nella struttura simili a quelle degli insetti.
Abiti: variano: spesso vengono viste senza abiti, altre volte i testimoni sono sconvolti proprio dalla presenza degli abiti. "È assurdo - afferma un addotto - sono cavallette di due metri, ma indossano una tuta argentata!"
Biologia: a quanto sembra le cavallette si sarebbero evolute in maniera abbastanza complessa, si ignora se su questo pianeta o altri. Molti propendono per l'origine extra-dimensionale degli insettoidi, proverrebbero cioè da un altro continuum spazio-tempo piuttosto che da un pianeta lontano. In verità il 90 % della morfologia biologica di questi esseri sembrerebbe riconducibile a quella degli insetti, inclusa la dieta carnivora, mentre il loro sistema riproduttivo non sarebbe compatibile con quello umano, e eventuali ibridazioni vengono condotte solo in vitro. A volte cavallette già 'ibridate' - magari con DNA di altre razze, ad esempio i Grigi - sembrano possedere delle capacità riproduttive compatibili con gli umani. A dispetto del loro aspetto terrificante, molti rapiti hanno confessato - dopo un comprensibile lasso di tempo - di essersi abituati alla loro presenza, e dalle loro esperienze hanno avuto l'impressione che fossero molto intelligenti e amabili conversatori, con un profondo interesse per la psicologia umana. 

INSETTOIDI MANTIDE

Altezza: 1.90/2.40
Pelle: dura (probabile esoscheletro), marroncina, talvolta verde oliva.
Muscolatura: liscia e filiforme, quasi assente.
Capelli: assenti, talvolta sulla testa si evidenziano protuberanze simili ad antenne
Mani: a volte hanno qualcosa di simile a delle mani con due o tre dita, altre vengono segnalati con delle zampe simili a quelle degli insetti. Secondo alcune testimonianze, la presenza delle mani sarebbe una recente 'mutazione genetica'.
Occhi: molto grandi, circondano la testa anche di lato, nella struttura simili a quelle degli insetti.
Biologia: poche note disponibili - sembrerebbe che nei rapiti si evidenzi il terrore delle mantidi in quanto probabili mangiatrici di carne umana. In verità questo dato è aleatorio, in quanto gli insettoidi, più di qualsiasi altra razza, fa largo uso sui rapiti di sostanze che alterano la percezione della realtà. Gli insettoidi infatti sarebbero incredibilmente interessati alle nostre reazioni psicologiche ed emotive forti, paura e terrore incluse, e non esiterebbero ad instillare in determinati soggetti umani paure incontrollate per scopi ignoti. Secondo Corrado Malanga, docente di fisica all'Università di Pisa, gli insettoidi estrarrebbero le nostre endorfine, e si nutrirebbero della nostra energia mentale di massa, anche in concomitanza di avvenimenti topici come guerre, rivoluzioni e apparizioni mariane, quest'ultime - a detta di Malanga - organizzate a bella posta proprio da mantidi e cavallette. Personalmente ritengo che perlomeno una parte delle cosiddette apparizioni religiose - o definite tali dai testimoni - specie quelle dove appaiano esseri alti e biondi, siano riconducibili ad attività dei Nordici, i quali in genere non sono mai stati visti collaborare con gli insettoidi. 

CHUPACABRAS

Essi vivono nelle caverne del Portorico e il loro nome significa "mangiatori di capre", alti un poco più d'un metro, occhi rossi, zanne, lunghi artigli e ali da vampiri. Agiscono di notte per mutilare, uccidere e divorare il bestiame. Si suppone siano l'equipaggio di un'astronave precipitata sulla Terra ma alcuni sostengono che si tratti di alieni fuggiti da una base militare segreta nella giungla durante un uragano!

NORDICI

Extraterrestri dai lineamenti angelici che sarebbero i protagonisti dei casi di "contattismo". Il loro aspetto è molto piacevole, sono alti circa un metro e novanta, con capelli biondi e occhi azzurri con sfumature brillanti. I lineamenti sono quelli della bellezza umana classica. Spesso sembrano emanare luce. Ciò che colpisce di questi esseri è la loro saggezza e bontà dovuta alla loro grande evoluzione spirituale.

NORDICI GIGANTI

Altezza: 2.30 o più
Pelle: molto chiara e dura, con alcuni indurimenti callosi a placche nei pressi delle giunzioni ossee
Muscolatura: eccezionalmente forte e potente.
Capelli: biondo chiaro.
Mani: nn
Occhi: chiari, taglio più grande del normale
Abiti: variano
Biologia: si evidenzia una struttura osseo-muscolare molto più sviluppata del normale, forse dovuta ad un pianeta dalla gravità maggiore della nostra.

NORDICI ELFICO

Altezza: 1.85/1.90
Pelle: olivastra e liscia
Muscolatura: affusolata ma resistente ed elastica.
Capelli: biondo oro
Mani: talvolta viene descritto a quattro dita
Occhi: chiari (spesso blu), di dimensioni molto grandi e con una inclinazione talmente verticalizzata da sembrare decisamente innaturali per i nostri standard.
Abiti: variano, spesso hanno tute aderenti
Biologia: poche note disponibili, avrebbero una certa biocompatibilità con gli umani e sarebbero dotati di una grande agilità. Il volto è più sottile e schiacciato del normale (effetto 'sogliola'). 

MINUSCOLI MARZIANI

Dolci e affettuosi vengono sulla Terra a portare sviluppo, pace e felicità!

 

 

RETTILIANO ANFIBIOIDE

Altezza: 1.90/2.00 metri circa
Pelle: in genere liscia, spessa come quella dei cetacei e verdastra o bianca, talvolta hanno delle squame o scaglie localizzate in alcune parti del corpo.
Muscolatura: normotipo, armoniosa
Capelli: assenti.
Mani: cinque dita, palmate (dotate cioè di membrane infradito tipiche delle razze anfibie)
Occhi: grandi, talvolta protuberanti, con iride gialla o rossa e pupilla verticale
Abiti: vari, spesso preferiscono non indossare nulla, specie se devono nuotare.
Biologia: dalle testimonianze sembra assodato che questi esseri siano in grado di respirare sott'acqua, e di essere davvero dotati di capacità anfibie. Ad esempio, nel 1966, il sovietico B. Borovivikov stava cacciando squali nel Mar Nero, quando vide, alla profondità di 8 metri, degli esseri giganteschi venire verso di lui, nuotando dalle profondità. Avevano la pelle chiara, quasi bianca, piedi e mani palmati, occhi protuberanti. Lo salutarono e se ne andarono. Molte altre volte esseri anfibioidi sono stati avvistati. Basilarmente gli anfibioidi più diffusi sarebbero di forma umanoide, con la pelle liscia e spessa, verdina, in certe zone ricoperta di scaglie o squame piccole e lisce, piedi e mani palmati. Altri esseri anfibioidi invece sarebbero bianchi, con la pelle trasparente attraverso cui si vedrebbero le vene bluastre, occhi gialli sporgenti e una cresta cartilaginea in mezzo alla fronte, e avrebbero bisogno del sangue umano. Altri ancora avrebbero una corporatura umanoide, piedi e mani palmate (tre dita), muscolatura molto sviluppata e viso simile a quello delle rane.

DARGOS

Alieni dall'aspetto mostruoso e protagonisti di rapimenti anche in Italia. In particolare ricordiamo il famoso caso del metronotte genovese Fortunato Zanfretta che sarebbe stato rapito più volte da questi esseri alti quasi tre metri, con la testa appuntita, la pelle verde e rugosa, gli occhi gialli di forma triangolare e delle squame al posto delle mani. Questo tipo di alieno è stato avvistato, oltre che in Italia, anche in molti paesi latino-americani.

UMANOIDI CLASSICI

Questo tipo di alieno ha caratteristiche fisiche molto simili all'uomo, l'unica cosa che differisce è la testa ovoidale e gli occhi rosso fuoco. Hanno spesso una tuta aderente, si muovono con molta cautela e tendono a fuggire quando si trovano di fronte a dei testimoni.

UMANOIDI OVOIDALI

Questo tipo di alieno ha il corpo interamente ovoidale. Sono stati visti di diverse dimensioni, di un metro ma a volte anche di due. Anche gli occhi sono di forma ovale o rotondi e molto luminosi. Sembrano muoversi a scatti.

ESSERI LUMINOSI

Le entità di questo tipo sembrano fluttuare in cielo, sono avvistati di notte (spesso in prossimità di strutture militari). In genere sono di color rosso-arancio, tendono a ingrandirsi ed a rimpicciolirsi. Sembrano quasi ipnotizzare i testimoni.

ESSERI ANIMALESCHI

il 25/11/1973 Stephen Pulascki, insieme a due bambini si imbatté in un oggetto a forma di cupola che sembrava essere atterrato a Greensburg in Pennsylvania. Ad un tratto videro due creature simili a degli Yety, alte 2,5 mt e dagli occhi gialli scintillanti. Inizialmente Pulascki pensò si trattasse di orsi e gli sparò una fucilata che ottenne solo l'effetto di farli voltare verso di loro, i bambini scapparono a gambe levate mentre Pulascki ritentava inutilmente di sparargli addosso.

ANFIBIO

Betty Andreasson dice di essere stata rapita più volte, una delle quali (25/01/1967) nella sua casa di Aschburnham, nel Massachusetts. Dopo essere stata "caricata" su un disco volante Betty sostiene dopo un viaggio spaziale di aver raggiunto un posto in cui poté notare delle creature alte 90 cm., simili a lemuri, che strisciavano sugli edifici. Nonostante non avessero la testa possedevano occhi posti su specie di peduncoli mobili.

ROBOTICO

Lee Parish, di Prospect, Kentucky, sotto ipnosi raccontò che il 27/01/77 venne rapito da 3 creature che sembravano macchine ed avevano l'aspetto di lastre. Due di loro erano alte circa 1,80 mt., una di colore rosso e sottile, l'altra bianca e massiccia, la terza invece sovrastava sulle altre con un'altezza di circa 6 mt. ed era tutta nera.

ESSERI SCAFANDRATI

Alieni ricoperti integralmente di quelli che sembrano caschi e tute da astronauti. Le loro movenze sembrano quasi meccaniche, tanto da far presupporre che si tratti di automi. A volte sono muniti di respiratore e le loro dimensioni di norma sono inferiori a quelle degli esseri umani.

PICCOLI ESSERI

Alti non più di un metro e venti, sembrano nudi e dalla pelle grigia con la testa sproporzionata rispetto al corpo esile, lunghe braccia che terminano con dita ad artiglio che sfiorano il terreno. Hanno grandi orecchie elefantesche, enormi occhi di colore giallo e, per bocca, una piccola fessura. Sembrano emanare un forte calore.

UOMO FALENA

Detto anche mothman, proviene dalla costellazione del Drago vi è un’altra razza di entità che in passato hanno visitato la Terra. Sono alti circa 8 piedi, scuri con occhi rossi (luminosi al buio) e con le ali. Essi sono all’origine delle leggende sui mostri alati ed i vampiri. Gli uomini falena non hanno molta influenza sulla Terra. Vivono nascosti in luoghi sotterranei e non desiderano attirare l’attenzione su di sé.

PLEIADIANI

I Pleiadiani sono parenti lontani della razza umana. Sono gli antenati della razza responsabile della creazione genetica degli esseri umani. Hanno uno sviluppo spirituale più elevato degli umani. Hanno capelli biondi e pelle chiara e sono alleati della confederazione spaziale ed intergalattica. Alcuni pleiadiani sono sottomessi ai grigi essendo stati rapiti da bambini o essendo discendenti di rapiti; questi sono stati allevati e addestrati dai grigi come loro schiavi. I Pleiadiani hanno avuto in passato molti contatti con i terrestri ma di recente hanno sospeso le loro visite alla Terra a causa di una legge spaziale che vieta loro di interferire nel destino delle altre razze, a meno che queste non mettano in pericolo le altre specie della galassia. Se ci dovesse essere la minaccia di una guerra nucleare essi interferirebbero allo scopo di scongiurarla. I Pleiadiani hanno più volte messo in guardia i governi terrestri dal pericolo rappresentato dai grigi.

RETTILIANI SAURIANI O DRACOIDI

Altezza: da metri 2.00 fino ai 3.40 circa
Pelle: dura, ricoperta di scaglie marroncine o verdi. Alcuni tra i Sauriani avrebbero una pelle completamente bianca, con le scaglie dello stesso colore. 
Muscolatura: forte e possente, allungata
Capelli: assenti, anche se spesso si presentano delle forte protuberanze sulla fronte, che a volte sono tanto sviluppate da essere addirittura delle corna vere e proprie. Queste protuberanze appaiono spesso al centro della fronte, e continuano dietro lungo la schiena. Talvolta certe protuberanze ossee possono apparire anche in altri punti del corpo, come ad esempio le spalle.
Mani: di solito hanno quattro dita, tre + un pollice opponibile.
Occhi: più grandi degli umani ma meno dei Grigi, l'iride è dorata, gialla o rossa e la pupilla è di taglio.
Biologia: Rispetto ad altri rettiliani la prima differenza tra i sauriani e altri rettiliani è nella presenza - spesso riportata - di ali che partono dalla schiena. Queste ali sarebbero ripiegabili, e spesso sarebbero coperte da un lungo mantello. Non si sa se tali ali possano permettere il volo. Inoltre, i Sauriani (detti anche Dracoidi) avrebbero un corpo molto più atletico e prestante degli altri rettiliani. Il loro torso è molto snello anche se muscoloso, e i muscoli del collo partono dalla larghezza delle spalle e si giuntano alla base della mascella formando un blocco unico. Sembra che i Sauriani più avanzati gerarchicamente siano contraddistinti dalla pelle bianca: alcuni addotti avrebbero visto diversi sauriani dalla pelle marroncina o verde trattare quelli dalla pelle bianca con devozione e rispetto, come fossero dei re o generali.

RETTILIANI DINOIDI

Altezza: 1.90/2.20 metri circa
Pelle: dura, ricoperta di scaglie, di solito marroncina o beige
Muscolatura: molto robusta, tozza
Capelli: assenti, spesso si presentano creste sul cranio
Mani: di solito quattro dita (il pollice si nota poco).
Occhi: grandi (ma non come i Grigi), circondati da una zona rialzata e dotata di doppia palpebra, iride gialla o verde con pupilla a taglio
Biologia: pochi i dati disponibili. La loro forma corporea è più tozza dei rettiliani 'classici', in genere l'atteggiamento posturale e i movimenti sono più vicini a quelli dei dinosauri che all'umano (da qui il nome). Le gambe spesso sono articolate come quelle degli animali, e quando corrono lo fanno come gli struzzi, facendo leva sull'avampiede. La loro maggiore massa muscolare e peso (anche 200 kg in un dinoide adulto) ne fanno formidabili guerrieri. Rispetto ai rettiliani 'classici' hanno il cervello meno sviluppato, il che li rende meno adatti a compiti tecnologici ma i loro sensi iper sviluppati e l'incredibile rapidità ne fanno dei soldati eccezionali. 

RETTILIANI

Questa tipologia di alieni proverrebbe dalla costellazione del Drago, per cui vengono anche chiamati Draconiani.
Hanno dimensioni fisiche importanti,la loro statura va da 2 metri a due metri e ottanta centimetri.
Queste caratteristiche,abbinate alla loro superiorita' tecnologica permetterebbe loro la conquista di qualsiasi pianeta,essendo questo un popolo guerriero.
Per alcuni, i Draconiani potrebbero realmente essere una minaccia per noi umani e per il nostro pianeta visto che,si suppone,sarebbero entrati in contatto con vari gruppi di potere occulti presenti sulla terra. Alcuni ricercatori hanno azzardato anche l'ipotesi che questa razza usi
gli umani per cibarsi.